Traduttore

martedì 13 dicembre 2016

Colazione Antiage

La colazione è indicata come il pasto più importante della giornata perchè ha il compito di fornire energia al fisico. L'energia migliore è rappresentata da una miscela di carboidrati integrali (fibre alimentari), proteine vegetali (semi oleosi, frutta secca,  tofu, yogurt, latte di soia e le alghe) e nei grassi buoni (frutta secca e semi oleosi). La tradizione della prima colazione è sempre stata quella del caffè con il latte e i biscotti ma questa andrebbe abolita, per il semplice fatto che gli zuccheri indeboliscono l'organismo provocando spaventosi picchi glicemici (rischio diabete) e l'invecchiamento precoce della pelle. Al contrario, una colazione salata vegana è energetica e antiossidante. Ecco i tre cibi migliori per una colazione super salutare: 
  • I semi di chia - hanno molto ferro, proteine, calcio, vitamina C e Omega 3 e 6. Sono indicati per coloro che desiderano perdere peso (accelerano il metabolismo) e per quelli che hanno problemi di pressione alta.
  • Alga spirulina - è ricchissima di proteine (60%), di ferro e vitamine. In alternativa si può utilizzare un cucchiaio di farina di lupini o di canapa.
  • Bacche di aronia - associate al muesli sono un ottimo ricostituente per le ossa perchè contengono molta vitamina K, essenziale per il mantenimento di un'ossatura sana e forte. 

Pasta e Farine per Celiaci

Grazie allo studio effettuato nell'università di Foggia, un gruppo di studiosi è riuscito, attraverso la realizzazione di un processo di detossificazione del glutine a non danneggiare le proprietà delle farine, ma ha renderle solamente adatte anche alla dieta dei celiaci. Per ottenere questo risultato, il grano, prima della molitura (particolare macinazione), viene sottoposto ad altissime temperature a microonde per pochi minuti. Con questa procedura il glutine non viene eliminato ma vengono cambiate le molecole delle sue proteine che ne causano la sua tossicità, provocando allergia e infiammazione nei celiaci. Al momento sono state fatte solo sperimentazioni in vitro sulle cellule linfocitarie (cellule presenti nel sangue) intestinali di soggetti celiaci. In futuro saranno fatte anche sperimentazioni dal vivo (test) con la collaborazione dell'università americana di New Hampton. I prodotti potranno essere messi sul mercato già nel 2017 e permetteranno ai celiaci e agli intolleranti al glutine, di poter mangiare alimenti identici a quelli tradizionali, ma gluten free.